Intervista a Carlotta​ ​Castrucci​ di Caramì – lingerie e activewear

Due cose mi hanno colpita di Caramì, la prima è che quando l’ho conosciuto, tramite un articolo su un blog, dove si sottolineava un particolare aspetto sociale del brand, subito ha catturato la mia attenzione il punto di vista differente, un contenuto “ricercato” da condividere nel gruppo Facebook che gestisco, Ufficio Stile, dove non voglio che si parli solo di tendenze, ma di ciò che c’è di davvero innovativo nella moda.

Stavo per condividere il post, ma mi sono persa tra i contenuti della pagina e imbattuta in un video, che in maniera del tutto differente spiega come prendere le misure per le taglie, quindi sono rimasta colpita nuovamente, mi occupo di web marketing, per questo sono attenta anche alle modalità di comunicazione e ho condiviso subito il contenuto “diverso” sulla pagina Facebook che gestisco “Tecnologie digitali per il marketing della moda”.

Quindi la mia passione per la ricerca di ciò che è veramente “innovativo” mi ha portata a intervistare ​Carlotta​ ​Castrucci​ di Caramì.

Celeste Priore

Come e quando è nata l’idea per il brand di lingerie Caramì?

Caramì​ ​è​ ​stato​ ​il​ ​mio​ ​progetto​ ​di​ ​tesi,​ ​ma​ ​l’idea​ ​è​ ​nata​ ​nel​ ​Gennaio​ ​2016​ ​quando​ ​le​ ​condizioni​ ​di​ ​salute​ ​di mia​ ​sorella​ ​stavano​ ​peggiorando. Soffre​ ​di​ ​anoressia​ ​da​ ​3​ ​anni​ ​ormai. Siamo​ ​sempre​ ​state​ ​molto​ ​legate​ ​e​ ​non​ ​potevo​ ​lasciare​ ​che​ ​la​ ​malattia​ ​me​ ​la​ ​portasse​ ​via. Ne​ ​ho​ ​pensate​ ​davvero​ ​tante​ ​per​ ​salvarla,​ ​ma​ ​l’unica​ ​cosa​ ​che​ ​le​ ​ha​ ​fatto​ ​cambiare​ ​idea​ ​è​ ​stata​ ​Caramì.

Eravamo​ ​entrambe​ ​affascinate​ ​dai​ ​Lace​ ​Bras (reggiseni in pizzo),​ ​così​ ​dopo​ ​aver​ ​analizzato​ ​il​ ​mercato​ ​e​ ​vari​ ​competitor,​ ​decisi di​ ​creare​ ​una​ ​linea​ ​di​ ​lingerie. Parallelamente​ ​ho​ ​deciso​ ​di​ ​sviluppare​ ​anche​ ​una​ ​linea​ ​di​ ​​Activewear ​visto​ ​il​ ​grande​ ​momento​ ​di​ ​crescita​ ​di questo​ ​settore.

Cosa ti ha spinto a scegliere il nome e il logo?

Caramì​ ​è​ ​l’unione​ ​del​ ​mio​ ​nome​ ​con​ ​quello​ ​di​ ​mia​ ​sorella​ ​(​Ca​rlotta​ ​e​ ​Ca​mi​lla),​ ​anche​ ​il​ ​logo​ ​riprende​ ​i​ ​nostri nomi​, ​infatti​ ​sono​ ​due​ ​C​ ​che​ ​si​ ​guardano​ ​una​ ​di​ ​fronte​ ​all’altra,​ ​ma​ ​al​ ​tempo​ ​stesso​ ​rappresenta​ ​un reggiseno​ ​e​ ​il​ ​giglio​ ​di​ ​Firenze​ ​allungato.

Quali sono gli aspetti estetici che contraddistinguono le linee dei reggiseni i pizzo?

Firenze​ ​è​ ​la​ ​mia​ ​fonte​ ​d’ispirazione​ ​principale. Ogni​ ​chiesa,​ ​ponte,​ ​palazzo​ ​e​ ​piazza​ ​porta​ ​con​ ​sé​ ​una​ ​storia,​ ​dettagli​ ​e​ ​rifiniture​ ​preziose​ ​che​ ​non​ ​passano inosservate. Questa​ ​stessa​ ​attenzione​ ​meticolosa​ ​si​ ​riversa​ ​anche​ ​sul​ ​brand​ ​dal​ ​dettaglio​ ​più​ ​piccolo​ ​al​ ​più​ ​grande.

Quali quelli tecnici?

Anche​ ​i​ ​principali​ ​tessuti​ ​utilizzati,​ ​pizzo​ ​e​ ​velluto,​ ​richiamano​ ​la​ ​cultura​ ​rinascimentale​ ​fiorentina​ ​i​ ​quali infondono​ ​eleganza​ ​e​ ​raffinatezza​ ​ai​ ​capi​ ​e,​ ​al​ ​tempo​ ​stesso,​ ​risultano​ ​essere​ ​rispettosi​ ​della​ ​pelle accarezzando​ ​il​ ​corpo​ ​e​ ​adattandosi​ ​alle​ ​diverse​ ​forme. A​ ​questi​ ​sono​ ​stati​ ​accompagnati​ ​elastici​ ​e​ ​rifiniture​ ​“giovani”​ ​e​ ​vivaci.

L’etichetta,​ ​in​ ​tessuto​ ​e​ ​di​ ​piccole​ ​dimensioni,​ ​è​ ​delicata​ ​sulla​ ​pelle,​ ​quasi​ ​impercettibile,​ ​così​ ​da​ ​non provocare​ ​fastidi​ ​e/o​ ​irritazioni.

La​ ​scatola​ ​realizzata​ ​con​ ​un​ ​cartone​ ​“soft-touch”​ ​richiama​ ​il​ ​prezioso​ ​prodotto​ ​che​ ​contiene​ ​ed​ ​ha​ ​una dimensione​ ​tale​ ​da​ ​poter​ ​essere​ ​riutilizzata​ ​nel​ ​cassetto​ ​della​ ​biancheria​ ​per​ ​tenerlo​ ​in​ ​ordine.

Tutto​ ​ciò​ ​è​ ​Made in Italy, in che luoghi d’italia avviene la produzione?

La​ ​maggior​ ​parte​ ​diei​ ​dettagli​ ​è stato realizzato in​ ​Toscana e la produzione avviene a Como da Curve Pericolose Srl, due sorelle come noi, alle quali è piaciuto molto il progetto: hanno capito subito quello che volevo e dopo aver sviluppato i prototipi ed effettuato delle modifiche​ ​è​ ​partita​ ​la​ ​produzione.

Come si sviluppa il processo della distribuzione e di comunicazione?

Il​ ​sito​ www.carami.it è il principale canale di distribuzione e comunicazione ed è​ ​stato​ ​progettato​ ​per​ ​essere​ ​funzionale​ ​e​ ​facilmente​ ​navigabile.

Sono​ ​presenti​ ​alcuni​ ​elementi​ ​nati​ ​per​ ​aiutare​ ​il​ ​consumatore​ ​all’acquisto​, ​come​ ​la​ ​chat,​ ​un​ ​video​ ​tutorial​ ​e una​ ​community​ ​online/blog. Cerco​ ​di​ ​aiutare​ ​ogni​ ​consumatrice​ ​al​ ​fine​ ​di​ ​regalare​ ​un’esperienza​ ​d’acquisto​ ​unica.

Infine​ ​le​ ​spedizioni​ ​sono​ ​​express, ​tracciabili,​ ​restituibili​ ​e​ ​​worldwide.

Per​ ​comunicare​ ​mi​ ​baso​ ​sui​ ​social network,​ ​in​ ​particolare​ ​Instagram​ ​e​ ​Facebook. Uso​ ​anche​ ​Pinterest​ ​e​ ​Linkedin,​ ​ma​ ​il​ ​traffico​ ​deriva​ ​principalmente​ ​dai​ ​primi​ ​due. Sono​ ​attive​ ​su​ ​Google​ ​anche​ ​delle​ ​campagne​ ​Search​ ​e​ ​Shopping.

La​ ​bellezza​ ​sta​ ​nell’essere​ ​sé​ ​stessi. Non bisogna né essere degli scheletri per nascondersi né assomigliare a delle modelle per essere accettate.

L’elemento sociale del brand è caratterizzante e il blog diventa una forma di contatto con gli utenti, descriveresti meglio questa sezione?

Ho deciso di postare sul blog degli articoli sulla malattia, cosicché potessero essere d’aiuto e fonte d’ispirazione​ ​per​ ​altre​ ​ragazze​ ​e​ ​ragazzi.

Il blog è un altro elemento importante di Caramì, è il nucleo di tutto (infatti nella homepage l’ho collocato proprio​ ​al​ ​centro). È uno spazio che ho voluto creare per ascoltare il mercato perché, essendo tutto nuovo per me, ho bisogno di feedback su quello che sto facendo e al tempo stesso mi serve per raccontare quello che c’è dietro a Caramì.

La​ ​filosofia​ ​​è​ ​quella​ ​di​ ​dare​ ​conforto​ ​alle​ ​donne​ ​in​ ​ogni​ ​occasione​ ​e​ ​amarsi​ ​per​ ​quello​ ​che​ ​sono. La​ ​perfezione​ ​non​ ​esiste​ ​e​ ​raggiungerla​ ​può​ ​costare​ ​la​ ​vita. Purtroppo l’anoressia è una malattia sempre più diffusa tra i giovani, associano la magrezza alla bellezza. Niente​ ​di​ ​più​ ​sbagliato. Con​ ​questa​ ​linea​ ​voglio​ ​esprimere​ ​un​ ​nuovo​ ​modello​ ​di​ ​bellezza,​ ​di​ ​estetica​ ​e​ ​di​ ​“accettazione”.

Abbigliamento intimo femminile – Caramì

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *